© 2019 Giorgio Maria Lodi

IL MAL DI ORECCHIE

Il mio bambino ha mal di orecchie che devo fare ?

L’orecchio è collegato alla parte posteriore della gola mediante uno speciale condotto chiamato tuba di Eustachio. Nei bambini piccoli questo condotto è molto stretto e quindi può ostruirsi facilmente per la presenza di catarro, in particolare durante un raffreddore .

L’ostruzione può portare ad una infezione che può essere di natura virale o batterica . In questi casi I bambini spesso possono accusare dolore alle orecchie.


Moderni studi ci raccomandano di adottare la strategia della “Vigile Attesa”, cioè rimandare la decisione di somministrare una terapia antibiotica di 48-72 ore dall’inizio dei sintomi di otite.  In una percentuale elevata  ( 70 \ 80 % )  dei bambini che hanno una otite guarisce senza l’utilizzo di un antibiotico .  E sappiamo bene che nelle forme  causate da virus ( la maggior parte ) gli antibiotici non possono nulla .


Per PREVENIRE


- L’allattamento al seno riduce il rischio di otite.
- Evitate, se possibile, l’uso del ciuccio e del biberon.
- Una buona igiene delle mani può evitare circolazione del virus.
- Poiché molte infezioni dell’orecchio si verificano in seguito ad un raffreddore, è importante anche insegnare al bambino              appena possibile  ( 2 – 3 anni )  a soffiarsi il naso.
- Evitate di fumare soprattutto in casa.


SINTOMI


Febbre
Dolore auricolare
Pianto
Irrequietezza


PER CURARE


E’ molto importante, intanto, garantire al bambino la somministrazione di antidolorifici  e antifebbrili       ( paracetamolo o ibuprofene )  con gli stessi tempi e gli stessi  dosaggi utilizzati per curare la febbre  ( vedi scheda sulla “ Febbre “  ) .


Evitate in ogni caso la somministrazione contemporanea dei due farmaci .


Il pediatra potrebbe prescrivere un antibiotico dopo aver controllato l’orecchio di vostro figlio e potrebbe decidere , in base all’età del bimbo e alla gravità dei sintomi, di aspettare a prescrivere una terapia antibiotica ( per le ragioni sopra esposte ) .


L’instillazione e i lavaggi nasali frequenti con soluzione fisiologica  sono utilissimi per favorire una corretta respirazione ed evitare l’ostruzione delle vie aeree, spesso responsabile dell’otite .


CONSULTATE IL PEDIATRA SE VOSTRO FIGLIO HA


- Il bambino ha meno di sei mesi di età
- Una età compresa tra 6 e 24 mesi e non è migliorato dopo 24 ore dall’inizio dei sintomi
- Più di 2 anni e non è migliorato dopo 2 – 3 giorni dall’inizio dei sintomi
- Se presenta scolo di pus dall’orecchio
- Se presenta disturbi dell’equilibrio
- Se presenta un rigonfiamento o arrossamento dietro all’orecchio
- Se presenta patologie croniche severe (malformazioni cranio-facciali, diabete mellito, fibrosi cistica, sindrome di down)